Debout – Bertin

Cantina

Vincent e Stephanie sono una giovane coppia che con molto coraggio e altrettanta passione decidono di dedicarsi alla viticoltura in Anjou, regione d’eccellenza per il Chenin blanc ed il Cabernet Franc, oltre che per Grolleau e Pinot d’Aunis.

Affiancati ed appoggiati dal buon Cyril le Moing trovano casa e cantina in affito in quel di Faye d’Anjou, piccolo villaggio sulle colline calcaree nel mezzo dell’Anjou viticolo: comprano un cavallo da tiro, qualche forbice e una piccola pompa a spalla e, cosa fondamentale, recuperano vecchie vigne a gobelet di Grolleau e Chenin blanc, destinate all’oblio, oltre ad altri appezzamenti nei paraggi.

La prima annata, fatta di pochissime bottiglie, è la 2012, fin da subito chiaramente il loro approccio è integralista: solo pochissimi trattementi fatti a spalla con rame e zolfo, lavorazione del terreno con a cavallo, sfalcio manuale dell’erba; fermentazioni spontanee e rifiuto totale di solforosa e qualsiasi altro additivo.

Allo stesso tempo la loro ambizione e ricerca dell’eleganza è davvero maniacale.

Le rese bassissime per ettaro danno quasi sempre uve di grande qualità e sostanza ma bisogna comunque fermentare e condurre i vini con la massima attenzione e pulizia.

Il risultato sono vini di territorio puliti e personali, minerali e profondi, di ottima beva.