Les Briseau

Cantina

Christian Chaussard, prima di diventare viticoltore, per anni ha lavorato nelle opere pubbliche, aveva una proprietà di famiglia a Vouvray, ma una serie di avversità climatiche lo costrinse ad abbandonarla. Decise quindi di provare a dedicarsi al vino, ma in un nuovo posto, con nuovi stimoli.

Prima di realizzare questo obiettivo, ha incontrato Nathalie Gaubicher, attrice svizzera con un diploma di enologo e sommelier, e si mise alla ricerca di vitigni da qualche parte in Francia. La loro ricerca li ha portati in tutto il paese, in tutte le regioni viticole. Nel 2002, si stabilirono nel Jasnières / Coteaux-du-Loir, zona nel nord della Touraine: i terreni sono in gran parte argilla e silice su un sottosuolo di calcare e Domaine le Briseau è stato avviato con 4 ettari di vigneti coltivati ​​principalmente a Chenin Blanc e Pineau d’Aunis.

Nel 2005, Christian e Nathalie hanno iniziato un piccolo commercio, chiamato Nana, Vins & Cie, per i quali acquistano uva da contadini fidati, raccolta con la loro squadra. Queste uve vengono vinificate allo stesso modo delle uve proprie, al fine di produrre vini totalmente naturali.

Nel 2007, l’azienda cresce fino a 11 ettari. Tutto il lavoro nel vigneto viene effettuato secondo i principi della viticoltura biologica (con la certificazione di Qualité France): niente pesticidi, insetticidi e concimi chimici; decotti di ortica ed equiseto vengono spruzzati sulla chioma, il rame viene utilizzato in quantità modesta (meno di 5kg/HA), i vigneti sono arati e l’erba viene lasciata crescere nei filari. Nel 2006, l’azienda ha iniziato la sua conversione ai principi biodinamici.