Casa Belfi

Cantina

Maurizio Donadi di formazione enologo, 
ma di gran cuore e abilità, ha da qualche 
anno ha recuperato alcuni vigneti di 
famiglia e ha deciso di presentarsi al 
pubblico con un approccio di rispetto 
per il proprio lavoro, e amore per la 
terra, per poter ottenere uva sana ed 
energetica, intervenendo sui propri vini 
solo per accompagnarli nel percorso, 
senza intervenire in modo pesante o 
chimico. 
Il suo primo vino è stato il Casa Belfi 
Colfondo, un prosecco che ad oggi si è 
stancato della denominazione e preferisce presentarsi come Naturalmente Frizzante Confondo rifermentato in bottiglia e non come Prosecco, anche se alla fine è composto da uve Glera al 100%.
Maurizio aiutato dalla moglie 
Fabiola, conduce una continua ricerca 
mirata al rispetto, e al miglioramento 
produttivo per la vigna, aggiungendo e 
sperimentando vari metodi, sia biologici 
che biodinamici per avere terra sana. 
Altri loro prodotti sono il prosecco fatto
fermentare e affinare in Anfora,
il Casa Belfi Bianco manzoni bianco
e chardonnay, il Casa Belfi Rosso con
Raboso e Cabernet e infine il metodo
ancestrale di Raboso 100%.
Il suo vino non viene spumantizzato attraverso autoclavi,
ma viene rifermentato in bottiglia senza
aggiunta di lieviti, enzimi o zuccheri,
ottenendo un vino con il fondo che
rimane in bottiglia. Unica via questa
perchè il vitigno ed il terreno possano
esprimere al meglio le loro peculiarità.
Un concetto semplice attorno al quale 
ruota tutto l’universo di Donadi: 
biodiversità e armonia naturale. 
Nutrire la terra con infusi, decotti e
tisane a base di ortica, equiseto, silice
e camomilla; renderla fertile tramite
il corno-letame, e le arpe, che suonano 
in vigna, sprigionando la loro musica 
grazie al vento, e che armonizzano le 
energie e vibrazioni positive dei frutti… 
E tutto riofiorisce e si armonizza: ritornano 
animali e insetti scomparsi da decenni – 
rane, lucciole, libellule, pipistrelli.