Terre di Pietra

Cantina

Terre di Pietra nasce dalla volontà
di Laura che nel 2005, a 25 anni,
produce il suo primo vino, aiutata
dal marito, Cristiano, e dal suocero,
che le lascia un garage per le prime
vinificazioni, a Torbe di Negrar.
Nel 2010 inizia la costruzione della
cantina a Marcellise, da cui esce
il primo vino a fermentazione spontanea
nel 2011.
L’approccio ad una viticoltura il più
possibile naturale viene per tradizione
e cultura propria, per cui fin dall’inizio
non vengono usati prodotti di sintesi.
I vigneti si trovano in due diverse
zone: a Marcellise, nella zona nuova
della Valpolicella, ad est di Verona, in
una collina sui 250 metri s.l.m., dove
ha sede anche la cantina. E a Torbe
di Negrar, nella zona classica della
Valpolicella, a nord di Verona, in collina
alta, tra i 450 ed i 600 metri s.l.m..
I vitigni piantati sono chiaramente
Corvina, Corvinone, Rondinella,
Molinara con qualche filare di Croatina,
un po’ di Garganega e Marselan:
esperimento curioso ed insolito, vitigno
francese frutto di un incrocio tra
Grenache e Cabernet Sauvignon.
Dall’annata 2013 tutti i vini sono a
fermentazione spontanea e non vengono
usati correttivi chimici se non l’uso
della solforosa e le filtrazioni.
Il percorso iniziato con Laura prosegue
in modo coraggioso e caparbio dal
marito Cristiano, aiutato dalle sue due
figlie, Anna e Alice, dopo la prematura
scomparsa di Laura nel 2017. Cristiano
si sta mettendo sempre più al gioco con
la produzione di un vino completamente
naturale, togliendo man mano solforosa
e filtrando sempre meno i vini, pur
mantenendo un buono standard
qualitativo, per vini fini ed eleganti,
che hanno un gran cuore, perchè di
pietra hanno solo il nome.