Matej Svara, nuovo produttore per arké, il primo dalla Slovenia, arrivato a farsi conoscere direttamente durante questa edizione di VinNatur, il lunedì di Villa Favorita, portandoci i suoi vini: Malvazija, Vitovska e Teran.

 

Matej, che fa anche il cuoco, è un contadino che coltiva con caparbietà e passione le proprie vigne che si estendono per appena 1,3 ettari a Komen, sul Carso sloveno, ed imbottiglia i suoi vini dal 2010. Lavora in maniera spudorata e ribelle, in cantina infatti non usa nulla, se non il succo delle sue uve: nessun tipo aggiunta e nessuna filtrazione, per vini che da giovani sono tesi e scorbutici, soprattutto i bianchi, ma che con il tempo si sanno allungare ed affinare molto bene.

Da subito la sua scelta su come lavorare è stata legata al metodo biodinamico, seguendo il calendario di Maria Thun e i metodi biodinamici, per lavorare una terra molto particolare, il Carso, con poca profondità ma grande capacità espressiva.

 

 

La ricerca di un produttore di questa zona per noi dura ormai da qualche anno, dalle prime visite ai tre mostri sacri di questa zona, ovvero Vasja Cotar, Benjamin Zidarich e Marko Fon, che negli anni ci hanno raccontato del Carso e dei suoi vini…e ce ne siamo innamorati, soprattutto del Terrano e della sua apparente impenetrabilità: acidità impressionante, tannico ma freschissimo e dai profumi fruttati, dai frutti rossi di bosco all’arancia…una bomba!

Ed i bianchi, l’aromaticità e la pienezza della Malvasija, la profondità e la mineralità della Vitovska, entrambi da scoprire sia a pressatura diretta, sia in macerazione con le bucce.

 

Abbiamo scoperto e trovato il buon Matej con non poche difficoltà perchè fa davvero pochissimo vino e a Trieste praticamente nessuno lo conosce, tranne il nostro uomo di fiducia in città, Alberto, che l’ha scovato, ce lo ha fatto assaggiare e conoscere e ci ha aiutato a redigere la descrizione dell’azienda e dei vini. Grazie Alberto!

 

 

Una breve descrizione del Carso e del suo terreno:

Il Carso è situato in una zona peculiare dove troviamo clima nord-continentale da un lato, con i suoi forti venti provenienti da nord-est (la famosa Bora) e dall’altro un clima temperato di tipo mediterraneo. Una delle caratteristiche principali di questo paesaggio è quella di non avere presenza di rete idrica superficiale, cosa che anche solo visivamente richiama l’attenzione e appare come terra sassosa, arida e arcigna. Le rocce presenti sono prevalentemente calcaree e dolomitiche. La loro formazione, iniziata circa 120 milioni di anni fa, è dovuta alla sedimentazione di microrganismi (animali, vegetali e molluschi) in un vasto mare di acque tiepide e poco profonde, che si estendeva per gran parte dell’odierna Europa e di cui il Mediterraneo rappresenta il lembo estremo.
I resti di questi microrganismi, depositandosi sul fondo marino, formarono una fanghiglia bianca che, sotto il peso delle acque si solidificò formando la pietra.
Nel corso dei millenni, i fondali marini affiorarono in superficie a causa delle spinte che hanno determinato la formazione delle catene montuose. Esposto all’azione delle acque superficiali e degli agenti atmosferici negli ultimi 15-20 milioni di anni, il Carso è stato modellato nelle forme più bizzarre che lo rendono unico al mondo.