Sassaia: una serata

23 Giugno 2016

 

Luogo: Ristorante Il Pesciolino

La cena con degustazione alla cieca di 8 vini de La Biancara

Antipasto il nostro cappon magro composto da stoccafisso mantecato alla vicentina, muscoli, vongole, gambero al vapore, verdure e salsa verde.

Il Primo: Tagliolini fatti in casa con seppia zucchine e il loro fiore.

Il Secondo: Ombrina al forno con verdure e pesto di olive taggiasche.

 

Ospiti: l’oste Ernesto del Bar la Pausa, Pier del Caffe’ Il Barbarossa, Romeo sommelier del Pesciolino, Marco della rosticceria Sartore e altri amici fans di Maule e di Arkè, in totale 8 persone.

Qui di seguito le colorite impressioni di un nostro collaboratore genovese, Christian:

 

la cosa che ha impressionato tutti è stata non aver trovato un solo campione “vecchio”, ma ancora tanta tensione e vitalità soprattutto in qualche annata.

Il filo conduttore siamo arrivati alla conclusione essere la ormai famosa mineralità, ma mi sa che qua c’è davvero.

Partenza…

2002 tutti l’abbiamo azzeccato, naso con tanta frutta, anche tropicale, bocca piena magari non lunghissimo ma incredibile comunque, che poi uno mica può pretedendere tutto!

2006 io l’ho azzeccato subito, l’avevo bevuto pochi giorni prima e vi dico solo “stile lambic”, fantastico, eterno.

2007 nota iniziale con una breve CO2 briosa ed intrigante, che sballo! Poi si ricompone, tanta polpa ma anche tanta freschezza. Bevibilità elevata.

2009 forse il più minerale, ed infatti accompagnava benissimo i piatti di pesce che contornavano la serata.

2010 più tranquillo e pacato, ci aspettavamo qualche difetto dovuto all’annata, ma non siamo riusciti ad individuarlo. Bello anche lui.

2011 forse il naso meno complesso, equilibrato in bocca.

Avevamo anche una bottiglia di Pico 99, tappo inzuppato, quindi un po’ la bottiglia sfortunata…peccato ma ci sta.

Meno male che il Sosan 13 con un filetto di ombrina ci ha rimesso apposto, 15 gradi … e non sentirli, che grinta!!

Per terminare dopo un meraviglioso sorbetto, brindisi con una lacrima di recioto 02, mamma mia c’era di tutto! TUTTI IMPAZZITI!

 

Gran bell’onore per noi, e bella serata per loro!

Qui qualche foto:

 

13401326_10209621890568006_1618143237_n

13396907_10209621890648008_2023032713_o

HAPPY WINES!

7 Maggio 2016

Happy Wines / Making Happiness 26-27-28-29 Maggio 2016

 

Arkè è pronta per un nuovo incontro nella sua città, Vicenza.

Quest’anno parteciperemo alla rassegna Making Happiness, un evento che raccoglie diverse esperienze ed aziende nel settore del design assieme ad altre realtà che con la parola design, intesa come visione, e non semplicemente come settore di commercio, hanno molto da spartire.

Saremo solo noi ed altre due le aziende che, tra le 20 partecipanti, tratteranno il tema food & beverages nella rassegna, perché, di fatto, design significa progetto, pensiero, visione, e scegliere di produrre vino come lo fanno i nostri produttori significa proprio questo: avere una visione. Manifestare un’idea, pensare al metodo e al processo, dialogare con la materia prima come lo fanno certi vignaioli significa manifestare la volontà di consegnare al pubblico non solo un vino ma anche una storia, uno stile di vita, di salute, significa trasmettere un’idea.

Happy wines! è il titolo dell’evento che abbiamo organizzato e durante la giornata, assieme ai 12 produttori, cercheremo di raccontare cos’è un vino felice.

All’interno si parlerà anche di cibo felice con Elementary, il nuovo progetto di lievitati e salati che Pasticceria Olivieri lancerà ad Arzignano a Novembre. Con Elementary gli Olivieri sperimenteranno la cucina lavorando con diverse farine, tecniche di lievitazione naturali e materie prime semplici ma selezionate, raccontando nella contemporaneità una storia che inizia diverse generazioni fa quando nel 1882 gli Olivieri aprirono il loro primo forno.

 

La location sarà la sede di Ey studio, uno studio di design della comunicazione di Vicenza con cui esiste da diversi anni una forte sinergia e condivisione. Saremo in un palazzo storico, in Contrà della Fascina, 2.

L’evento partirà alle 11.00 fino alle 17.00 per ristoratori, operatori del settore e giornalisti. Dalle 17.00 alle 22.00 per il pubblico su invito.

Per partecipare è necessario accreditarsi scrivendo una mail con i propri nominativi a arke@vininaturali.it oppure a info@weareey.com

 

Questi i nostri dodici contadini felici che presenteranno i loro vini:

 

La Biancara di Angiolino Maule (Gambellara, Veneto)

Il Cavallino di Sauro Maule (San Germano dei Berici, Veneto)

Daniele Portinari (Alonte, Veneto)

Il Moralizzatore (Carmignano del Brenta, Veneto)

Casa Belfi Colfondo (San Polo di Piave, Veneto)

Franco Terpin (San Floriano del Collio, Friuli)

Ca’ del Vent (Campiani di Cellatica, Lombardia)

Cascina Borgatta (Ovada, Piemonte)

Olek Bondonio (Barbaresco, Piemonte)

Cinque Campi (Puianello, Emilia)

Pacina (Castelnuovo Berardenga, Toscana)

Champagne Christophe Lefevre (Bonneil, Valleè de La Marne)

 

 

Elementary durante la giornata produrrà tre proposte:

 

  • Panino con Ciabatta a lievitazione naturale con Farina Macinata a Pietra Petra 1 del Molino Quaglia e Mortadella Classica presidio Slow Food;
  • Tagliere di Porchetta di Mezzena di Suino con Giardiniera sottolio e fetta di Pagnotta a Lievito Madre con Farina Macinata a Pietra integrale Petra 9 del Molino Quaglia;
  • Panino Veg: Pane a Lievito Madre con Farina Macinata a Pietra integrale Petra 9 del Molino Quaglia con Insalata Lattuga, Pesto di Basilico e Pomodorini secchi.
  • Bauletto a Lievito Madre con pere candite e cioccolato fondente Valrhona 48%

Tutto a 5€.

 

A presto!

 

 

La locandina dell’evento scaricabile in pdf: Happy_Wines

 

happywines2

Ormai ci siamo: dal prossimo fine settimana inizia la più importante fiera vinicola italiana, il Vinitaly, e i due saloni di vini naturali fuori Verona: Villa Favorita di VinNatur e Cerea di ViniVeri.

Saranno giorni ricchi di profumi e chiacchere, degustazioni ed incontri tra persone di tutto il mondo, imperdibile per operatori ed appassionati di vino.

Quasi tutti i nostri vignaioli aderiscono a VinNatur, che aprirà le porte di Villa Favorita sabato 9 aprile e continuerà per tutta domenica 10 e lunedi 11: presenti 150 produttori europei.

Abbiamo pensato di rendervi la vita più facile creando una mappa apposita per chiunque voglia facilmente districarsi tra i grovigli di bicchieri e sentori, in modo da trovare facilmente i nostri vignaioli. Potete scaricarla da qui.

 

Ci saranno poi anche due produttori che saranno presenti al Vinitaly, ovvero Erbaluna dal Piemonte e Poderi Sanguineto dalla Toscana, le loro postazioni saranno le seguenti:

Erbaluna – Pad. 9  Stand D17- Piemonte

Poderi Sanguineto – Pad. 9 Toscana, area D12-D13- Consorzio del Vino Nobile

 

 

Siamo pronti e carichi! Non vediamo davvero l’ora!!

 

mappa_nuova-02


 

mappa_nuova-01

VILLA FAVORITA 2016

11 Marzo 2016

Siamo ormai pronti al consueto appuntamento con la fiera più bella della Primavera! Poche parole servono a descrivere : 150 produttori da tutta Europa, 9-10-11 aprile: Villa Favorita 2016  by VinNatur, alla tredicesima edizione.

Buona parte dei nostri produttori presenteranno qui i loro vini e molte nuove annate verranno fatte assaggiare per la prima volta.

Lo slogan di quest’anno è il seguente:

 

Un evento unico nel suo genere, Villa Favorita offre un articolato percorso di degustazione per approfondire o iniziare a conoscere i vini naturali: è la più importante manifestazione di vini naturali in Europa. Riunisce viticoltori europei che hanno il comune obiettivo di condividere le tecniche e le esperienze per produrre vino in maniera naturale, sia in vigna che in cantina, e di divulgare la cultura del “terroir”. Ogni visitatore potrà incontrare e conoscere i produttori stessi, nonchè acquistare direttamente dagli stessi il vino in degustazione. La manifestazione Villa Favorita nasce, quindi, come risultato naturale del crescente impegno per la diffusione di una nuova cultura del vino!

 

Ma Villa Favorita non è solamente vino, è anche luogo di condivisione di buono e sano cibo, incontri e chiacchere, godersi il primo tiepido sole dopo l’inverno;

Quest’anno fuori nel prato retrostante la Villa, sarà allestita una struttura come punto ristoro dove ci si potrà prendere una pausa dalla degustazione.

 

A breve un nuovo post con nello specifico la mappa dei nostri produttori partecipanti!

 

villa-favorita-710x1024

 

 

 

 

 

 

 

W le Donne!

8 Marzo 2016

Un augurio a tutte le donne e un ringraziamento a quelle di Arkè.

Innanzi tutto a mia moglie Erica che da anni mi segue tra vigne, cantine, fiere, ufficio, magazzino e serate: i suoi consigli, il suo naso, il suo aiuto e la sua passione hanno significato molto per me e per Arkè.

A mia madre, motore infaticabile della famiglia Maule, grande lavoratrice e riparo per i tanti maschietti che ha fatto e cresciuto, sostegno insostituibile per Angiolino da sempre, che ha avuto il coraggio di certe scelte anche grazie a lei.

Penso alle mie vignaiole, le prime per stima e caparbietà sono la piccola grande Dora e la sua compagna Patrizia di Podere Sanguineto e poi la contadina fiammiferaia, Cristiana Galasso di Feudo d’Ugni, che alle pendici della Maiella, da sola, porta avanti le sue vigne ed i suoi vini con grande passione.

C’è poi Nadia Verrua di Cascina Tavijn, che ha deciso di mettere un nome ed una faccia ai vini di casa sua: madre e vignaiola sognatrice. C’è Maria Teresa di Masseria Starnali, che ha fondato negli anni Sessanta l’azienda, aiutata oggi dal figlio, ma che ancora oggi con tutto il suo cuore la fa andare avanti. C’è la piccola ed elegante Nathalie Gaubicher che, nonostante la perdita tragica del marito Christian, ha continuato con caparbietà a curare le sue vigne e vinificarne i frutti.

 

Ci sono tutte le mogli e compagne che attivamente (o meno) partecipano alla vita delle rispettive azienda: Daniela, moglie di Franco Terpin, Fabiola e Maurizio di Casa Belfi, Giorgia e Sauro de Il Cavallino, Alessandra e Daniele Portinari, Sabina di Podere Il Santo, Maria Luisa di Borgatta, Giulia di Erbaluna … l’amica Luisa che ha “ospitato” Marino a Montalcino nella sua casa, Giovanna che ha ereditato Pacina ed ha “ospitato” Stefano, Francesca e Camillo Donati, Eva e Vanni di Cinque Campi. Le due gentilissime Isabelle borgognotte, quella di Cotes de la Moliere con i suoi Beaujolais e quella di Rouges Queues con il nobile Pinot Noir … e tutte quelle che ho dimenticato, le sorelle, le madri, le figlie …

 

Grazie a tutte, è un onore poter collaborare con voi e portarvi in giro, attraverso i vostri vini, per l’Italia e per l’Europa!

Rimanete così, forti e fiere. Siete bellissime!

 

 

 

donne

 

Ieri sera il programma Presa Diretta, condotto da Riccardo Iacona, ha trasmesso un servizo di Raffaella Pusceddu.

Nei primi minuti compaiono un paio di nostri amici vignaioli, ovvero Marino Colleoni e la compagna Luisa di Santa Maria, da Montalcino, e Stefano Borsa di Pacina, nella zona del Chianti.

Vi consigliamo la visione de “La fabbrica del vino”, perchè fa vedere in modo chiaro quanto il mondo della produzione del vino e delle denominazioni siano legati a logiche produttive intensive e a regole di mercato che ormai snaturano la tipicità dei vini e l’ambiente dove vengono prodotti.

Si nota come sia diventata la normalità usare ed abusare di pesticidi nei trattamenti in vigna, dannosi sia per l’ambiente che per la salute di chi vive a ridosso dei vigneti, nonchè per chi berrà poi il vino.

Viene poi finalmente spiegato anche al grande pubblico che il vino non viene fatto con sola uva, ma in cantina si possono utilizzare più di 60 sostanze da aggiungere in vinificazione: per migliorarlo, correggerlo, “fabbricarlo” a seconda delle esigenze della  moda e del mercato.

 

 

 

 

Tutte sostanze legali, ma che di certo naturali non sono! Buona visione!

 

 

Gli argomenti trattati sono stati molti e certamente sarebbe servito un approfondimento maggiore, ma le tempestiche televisive sono queste! Gli argomenti affrontati sono importanti e per fortuna stavolta l’attenzione dei mass media è andata su problematiche serie del mondo del vino!

 


 

 

 

 

 

 

 

 

Eccoci ormai alle porte del consueto appuntamento nella bella città affacciata sul mare, anche quest’anno 70 produttori di vino naturale saranno presenti alla degustazione organizzata da VinNatur il 7 e 8 febbraio.

A fare da cornice sono state ideate anche altre due succose possibilità, ovvero l’opportunità di partecipare a degli aperitivi e cene “tête-à-tête” con il produttore nei locali della città.

Nella serata che precede l’evento, Sabato 6 febbraio, ed in quelle di Domenica e Lunedì. Nel dettaglio Arkè ci sarà con i suoi vignaioli:

  • Franco Terpin (assieme all’amico Aurelio di Casa Caterina), farà assaggiare i suoi vini più pregiati il Sabato sera: per un aperitivo dalle 18.30 al Kowalski ristopub, seguirà poi una cena a partire dalle ore 20.30 presso Ai Troeggi, solo su prenotazione.
  • La Biancara con Angiolino Maule, sarà presente a partire dalle ore 20.30 di Sabato presso Antica Ostaja Ristorante, anche qui meglio prenotare, il locale è molto piccolo.
  • Il Cavallino, Casa Belfi, La Biancara dalle 19.30 di Domenica saranno insieme per un aperitivo e cena informale, a base di jazz, presso il Ristorante Tiflis.
  • Nathalie Gaubicher e La Biancara il Lunedi’ sera cena con degustazione alle ore 20.00 presso Enoteca Sola, solo su prenotazione. Qui sotto vi presentiamo  il volantino di questa serata:

 

degustazione genova-01

degustazione genova-02

 

Per maggiori informazioni sugli eventi organizzati nel dopo Fiera di VinNatur cliccate qui per gli apertivi con il produttore e qui per le cene.

Saranno momenti davvero unici per un week-end davvero ricco e immancabile.

Vi aspettiamo numerosi!

Tutte le altre info utili su VinNatur Genova 2016

A presto!

vinnatur-1

Arkè presenta una nuova ed inedita degustazione insulare, sbarchiamo in Sardegna!

Un interessante appuntamento con i vini naturali, chiamato “ Siddi Wine Festival”, ideato dallo chef Roberto Petza e organizzato dal suo Ristorante S’apposentu e dall’Accademia Casa Puddu, con la collaborazione del Comune di Siddi. Ideatore dietro le quinte dell’evento è l’istrionico vignaiolo-filosofo Gianfranco Manca dell’azienda Pane e Vino, primo vero produttore di vini naturali in Sardegna.

Sono alla loro IV edizione e quest’anno il tema è : “Il Vino è Condivisione”, attorno al quale sono pensati dibattiti e degustazioni, il tutto all’insegna del vino naturale.

Due giorni davvero ben organizzti e non da poco la splendida cornice dove si svolge il festival: all’interno dell’ex Pastificio Puddu, storico presidio industriale e culturale della Marmilla, che da fabbrica della pasta diviene fabbrica delle idee.

 

Noi siamo molto orgogliosi della possibilità di partecipare all’evento e saremo presenti con i seguenti produttori:

  • La Biancara
  • Pacina
  • Cinque Campi
  • Franco Terpin

 

Vi aspettiamo!

Per tutte le info dettagliate sull’evento qui.

 

Informazioni e prenotazioni:

telefono: +39 0709341045

email: info@sapposentu.it

facebook: Siddi Wine Festival 2016 

 

 

VinNatur Genova 2016

20 Gennaio 2016

Il 7 e 8 febbraio nella bella città sul mare l’associazione Vinnatur ha invitato oltre 70 vignaioli con i loro vini naturali in degustazione.

I produttori di Arkè presenti all’evento saranno:

Champagne: Christophe Lefèvre.

Loira: Nathalie Gaubicher.

Campania: Masseria Starnali.

Emilia-Romagna: Cinque Campi, Camillo Donati.

Piemonte: Borgatta.

Toscana: Santa Maria.

Veneto: La Biancara, Casa Belfi, Il Cavallino, Portinari Daniele.

Friuli: Franco Terpin.

 

Un nuovo incontro per rinnovare la degustazione dei nostri vini, come sempre accompagnati dalla possibilità di degustare cibi tipici della zona, presso il Palazzo della Borsa Valori in Piazza De Ferrari. Qui trovate tutte le informazioni utili per venire a trovarci.

 

Tra qualche giorno vi comunicheremo anche gli eventi nei ristoranti genovesi a corollario della fiera: la città sarà piena di vignaioli che parleranno dei loro vini durante le cene a tema organizzate per l’occasione!

A presto!!!

 

Franco Giacosa è stato un affermato e stimato enologo ora in pensione, in  Sicilia da Duca di Salaparuta prima e poi alla direzione della Casa Vinicola Zonin, uno tra i più grandi imbottigliatori italiani, di certo due aziende che poco hanno a che fare con il nostro piccolo mondo dei vini naturali.

Ma la sede della Zonin è qui a Gambellara e negli anni è nato un confronto ed amicizia con Angiolino Maule (e la nostra famiglia), che l’ha portato, una volta raggiunto il pensionamento, a sostenere e collaborare con Vinnatur.

Franco è un enologo molto capace e professionale, umile ma caparbio, aperto al confronto, con una sensibilità degustativa davvero eccezzionale. Ho chiesto a lui un articolo che riprendesse il discorso di Alessandro Morichetti nel precedente post, ci sembra giusto pubblicarlo subito sia qui che su Intravino.

 

Da enologo con alle spalle ben 49 vendemmie di cui 44 condotte in modo convenzionale e 5 con i metodi biologici, biodinamici e naturali estremi, ho avuto modo di seguire la storia del vino da quando in Italia era considerato una bevanda popolare di volume fino a diventare bevanda elitaria, per poi arrivare ai giorni nostri in cui si sta sviluppando molta sensibilità al riguardo degli aspetti salutistici, ecologici e ai legami con il territorio dove lo stesso viene prodotto.

 

Il vino naturale è una valida risposta a queste tendenze che passa attraverso la coltivazione del vigneto senza fare ricorso all’uso di fitofarmaci, di concimi di sintesi, di diserbanti o di altri prodotti della chimica per forzare i limiti fisiologici della vite ma bensì assecondando la natura per ottenere delle uve sane e ben mature. Espressione di una microzona, di un vitigno, del clima e dell’uomo che le produce.

 

Ma non basta. Non si possono abbandonare i mosti e i vini al loro destino. Vanno seguiti con cura in tutte le loro fasi per valorizzare il loro potenziale qualitativo ed evitare che difetti piccoli o grandi di vinificazione e di conservazione possano nascondere il loro carattere e la loro piacevolezza.

 

Vedo i Vini Naturali come una serie di produzioni che vanno oltre i traguardi del biologico e del biodinamico che sono già un bel passo in avanti per il rispetto di chi li beve e per l’ambiente.

Significa vinificare e conservare i vini con molta più attenzione ed esperienza di quanta ne occorre per i vini convenzionali e significa accettare anche qualche imperfezione visiva del colore o della trasparenza.  I vini convenzionali di massa, debbono necessariamente essere irreprensibili alla vista, avere una lunga tenuta sugli scaffali della grande distribuzione, avere una qualità costante e guai se compare qualche naturale deposito di tartrati sul fondo della bottiglia!

 

Ciò richiede parecchie operazioni di maquillage come la stabilizzazione tartarica, la stabilizzazione proteica, la stabilizzazione del colore, la stabilizzazione biologica che rendono relativamente stabile il vino e perfetto esteticamente ma che lo impoveriscono drammaticamente. Se poi pensiamo alle correzione del grado zuccherino, dell’acidità del corredo polifenolico, dei polisaccaridi (gomma arabica), la concentrazione, l’osmosi, i tagli, le chiarifiche e la microfiltrazione i vini vengono snaturati e standardizzati tanto da perdere la loro tipicità fino a diventare ripetitivi e noiosi.

 

Il vino naturale è una sfida per evitare l’interventismo partendo da uve equilibrate in vigna dunque senza necessità di alcuna correzione, rispettando i tempi della natura per la corretta maturazione e ottenere una naturale limpidezza e stabilità. Senza l’utilizzo dei mezzi chimici o tecnologici invasivi.

L’esperienza ci dice che si può al massimo ricorrendo a piccole quantità di solforosa a volte inevitabile per scongiurare deviazioni ossidative e batteriche nefaste.

Molti produttori hanno ormai raggiunto traguardi qualitativi impensabili e procedono speditamente nella ricerca della naturalità producendo vini non solo senza difetti, ma anche integri e di piacevole personalità.

 

Credo proprio che sia la giusta strada per il domani dell’enologia secondo quanto Louis Pasteur due secoli fa affermava: “il vino è la più sana e la più igienica delle bevande”.

 

Con Alessandro c’è sempre stato un rapporto di amore ed odio continuo, per via dei suoi articoli spesso provocatori su Intravino, il blog che ha fondato con alcuni amici e che negli anni è diventato tra i più seguiti in rete.

Ha sempre criticato in maniera intelligente il movimento dei vini naturali e a nostro parere è finito, suo malgrado, per innamorarsene; è anche enotecario, sempre on-line, su doyouwine.com.

Ci sembrava giusto avere un parere, un articolo, da un personaggio che non è completamente schierato per la causa dei vini naturali, che è sempre stato attento e curioso sulle novità enoiche degli ultimi anni. La critica è sempre utile ed aiuta a crescere.

 

Cosa non mi piace del vino naturale, tra l’altro

 

Il mio battesimo nel vino è un dono di mamma Associazione Italiana Sommelier e babbo Porthos. Ho fatto la prima vendemmia all’Aurora di Offida, azienda bio da oltre trenta anni. Sono per certi versi un “nativo naturale”: chi lavora in campagna puntando al minor impatto ambientale e in cantina giocandosi la partita con zolfo e ben poco d’altro merita rispetto perché necessita di competenza, cuore e coraggio in parti uguali. Di produttori che si muovono in questo orizzonte – e questo intendiamo con “produttori di vino naturale” – ce ne sono sempre di più e in ogni parte d’Italia producono spesso meraviglie. Il fiume in piena è inarrestabile ma c’è un però e un episodio lo fotografa esattamente.

 

Siamo a fine 2011, Natural European Wines (evento VinNatur) a Zurigo. Conosco un enologo di fama e con lui mi avvicino ai banchetti. Di fronte a un simpaticissimo e umile produttore pugliese, dopo aver apprezzato un paio di etichette, l’enologo sentenzia: “Qui c’è del brett, non va bene, stacci attento”.

Sono passati quattro anni e quell’enologo, Franco Giacosa, è uno dei miei punti di riferimento in materia: la sua storia, bellissima, parla chiaro. Novello San Paolo, il fu direttore tecnico per oltre un decennio di Casa Vinicola Zonin diventa consulente di VinNatur: gli uomini crescono e non finiscono mai di imparare. Il momento in cui Angiolino Maule incontra Franco Giacosa è il punto di non-ritorno, la congiunzione astrale perfetta che rende il vino naturale così appassionante. Qui nascono nuove grammatiche e nuovi canoni estetici, molto del gusto cristallizzato viene rimesso in discussione. L’approccio di Giacosa – tecnico puntuale ma cordiale, umano e profondamente appassionato – alla problematicità del vino cosiddetto naturale mi piace e lo sposo.

 

Cosa non mi piace del vino naturale? Quando la grammatica riveduta e corretta diventa assenza di grammatica, quando l’assenza di oggettività diventa magnificazione acritica di qualsiasi soggettività, quando il non saper fare diventa affermazione compiaciuta di naturalezza. La deriva peggiore è poi quella di chi colloca la naturalità (100% uva e basta) su un piedistallo – per cui il convenzionale o poco naturale è un senza-dio – più esclusivo che inclusivo, perfettamente assimilabile ai tratti che il Emile Durkheim individua studiando la sociologia delle religioni: distinzione sacro/profano e ritualismo condiviso (si frequentano solo certe fiere, si bevono solo certi vini) puntano ad individuare una comunità di riferimento ben definita, nouvelle vague di happy few.

 

E questo, con la socialità del pane e salame, c’entra ben poco.

 

[Foto: Lido Vannucchi]

 

Seconda puntata di questa rubrica con il trombettista Roy Paci !

Cantante, autore, strumentista, produttore che ha collaborato a livello internazionale con moltissimi artisti, è anche un grande appassionato di cucina, ambasciatore del peperoncino (suo grande amore), produttore di birra artigianale ed amante dei vini naturali!

Noi abbiamo avuto la fortuna di conoscerlo grazie a Lorenzo Cogo, giovane e talentuoso chef del ristorante stellato El Coq, nostro vicino di casa di cui siamo fieri, durante la festa per il primo compleanno del suo locale a Marano Vicentino, più di tre anni fa.

Roy ci ha regalato uno scritto sul vino naturale che parte dal suo animo, dalla sua vita, la musica. Eccovelo:

 

Vino naturale in musica

In musica esistono gli “armonici naturali” di un suono che vengono prodotti da qualsiasi corpo vibrante e che sono fondamentali per determinare il timbro di uno strumento musicale, sia esso appartenente alla famiglia degli ottoni o a quella degli archi. Gli armonici naturali non puoi controllarli o forzarli ad essere quello che non sono, non puoi aggiungere o togliere a piacimento toni e semitoni, non puoi tagliare, allungare o accorciare il loro tempo. Gli armonici naturali rimangono tali solo se sei in grado innanzitutto di percepirli, di comprenderne le caratteristiche, di accettarne i pregi e i difetti come gli intervalli calanti, e di “sfruttarli” piegando le tue esigenze alle loro.

Il vino naturale è la trasposizione biologica che più si avvicina a questo concetto. I vitigni vanno compresi, conosciuti nelle loro peculiarità più recondite, le mani dei vignaioli devono essere l’accompagnamento silenzioso che sostiene, senza imporsi, lo svolgimento naturale del percorso dal frutto al bicchiere. Niente mistificazioni “digitali”, nessun abbellimento ruffiano e ammiccante, assenza totale di forzature moderne al prodotto.

Solo rispetto, conoscenza e grande capacità di adattare le esigenze dell’uomo a quelle della vigna. La Biancara di Angiolino Maule e le cantine scelte e distribuite da Arkè, hanno capito e volontariamente deciso di intraprendere questo percorso. Una strada tutt’altro che facile, priva di logiche meramente pop e commerciali. Gli ‘artisti’ del vino naturale hanno personalità ricche di sfumature vintage dai tratti fortemente folk e insieme formano un’orchestra di cui, onestamente, non si puó più fare a meno.

Una jam session di vignaioli affiatati e in libertà che segue le evoluzioni, i respiri e lo scandire del tempo di un unico direttore d’orchestra: nostra signora madre terra.

Arkè nasce per passione e i vini spesso accompagnano momenti di convivialità; negli abbiamo avuto la fortuna di conoscere molte persone che con noi condividono l’amore per il vino naturale.
Abbiamo chiesto loro di comporci un articolo e questa rubrica li presenterà nei prossimi mesi ed anni.

Iniziamo col botto, con forse il più famoso dei nostri amici, Andrea Scanzi, giornalista e scrittore (oltre che presentatore, attore e teatrante), che abbiamo conosciuto qualche anno fa, durante la stesura de Il Vino degli Altri, un’ottima e brillante lettura per amanti del vino, più o meno esperti.

Questa è la dedica che ci ha fatto, per Arkè e il mondo dei vini naturali, e la condividiamo con voi:

 

Ho scoperto i “vini naturali” nel 2007, durante la stesura di Elogio dell’invecchiamento, probabilmente il primo libro italiano – destinato a un vasto pubblico – che parlava di una realtà così di nicchia. Al tempo li bevevo ogni tanto, a volte con piacere e altre no; oggi bevo solo quelli, o quasi. Ho sempre pensato che il vino sia come la musica: all’inizio puoi farti bastare anche un Ligabue o i Queen (oddio, i Queen magari no). Poi, quando scopri o riscopri i Led Zeppelin, la musica che ascoltavi un tempo – e che ti pareva addirittura bella – la abbandoni per sempre. Non dico accada per tutti, c’è chi si ferma a Jovanotti e gli basta così, ma se ti imbatti in Live in Koln di Keith Jarrett cambia tutto. Anno dopo anno, cantina dopo cantina e cena dopo cena, ho compreso che quello che cercavo da un vino erano due caratteristiche: personalità e bevibilità. Non ne posso più di vini tutti uguali e perfettini, non ce la faccio più a bere vini che mi stancano già al primo sorso. Un vino deve raccontarmi qualcosa e non deve apparirmi ingombrante: la vita, come diceva qualcuno di assai noto, è troppo breve per bere vini mediocri. Il mondo dei vini naturali, o veri, o chiamateli come volete, è senz’altro contraddittorio, frastagliato e talebano. Non tutto è indimenticabile e non tutto è naturale. Diffidate poi di chi vi dice che quel difetto riscontrato costituisce “prova ulteriore di naturalità” del vino: col cavolo. Un errore è un errore, e se sbaglio un congiuntivo non sono naturale: sono ignorante. E’ però in questo piccolo mondo, spesso popolato da artigiani ispirati e rivoluzionari stralunati, che trovo personalità e naturalità. Trovo un’idea precisa di vita, di presente, di futuro. Trovo coraggio. Trovo rispetto per la nostra storia, la nostra salute, la nostra terra. Trovo vini meravigliosamente glou glou, spesso non cari e in grado di emozionarmi con discrezione. Come certi blues semplici semplici, fatti da due accordi e in apparenza elementari. Ma in realtà così complessi, e definitivi, da non lasciarti più.

Bollicine e mille bolle blu… è arrivato l’inverno finalmente! E sentivamo il bisogno di qualcosa di scrocchiante…ma cercavamo anche eleganza ed onestà…quindi ci siamo messi alla ricerca di un nuovo Champagne per Arkè.

Mont Bonneil è un borgo che domina la valle della Marna, tra le città di Château-Thierry e Charly sur Marne, qui si trova lo Champagne Christophe Lefèvre  e le sue vigne, dove il Pinot Meunier la fa da padrone, seguito dal Pinot Noir, mentre di Chardonnay possiede solo un piccolo appezzamento.

Christophe eravamo stati a trovarlo con l’amico Andrea Ugolotti quattro anni fa, all’epoca la nostra scelta era poi ricaduta su un altro produttore; poche settimane fa è tornato Angiolino a trovarlo, assieme ad altri amici appassionati e l’impressione che ha lasciato durante la visita è stata molto positiva.

Un vignaiolo appassionato, che ha fatto la scelta del biologico a metà anni Novanta, quando nessuna moda del naturale influiva le scelte delle aziende, una piccola aggiunta di solforosa solo sull’uva al momento della pigiatura e poi fermentazioni spontanee del vino, svolge la naturale fermentazione malolaticca, soste di almeno 36 mesi sui lieviti prima della sboccatura. Il feeling è scattato subito, dopo l’assaggio dei campioni ancora di più, soprattutto nelle versioni Brut Nature, i non dosati: la vinosità data dal Meunier in primo piano, per un’ottima beva, accompagnata da una buona mineralità ed eleganza.

Questa degustazione ci ha poi impressionato perché, durante la cena che ne è seguita, ci siamo trovati a pasteggiare e finire in breve tempo i campioni, con questo incredibile Champagne ricco di carattere, che sa tenere testa in modo impeccabile anche a tutto pasto. Pensavamo fosse una cosa del caso, non ci abbiamo dato molto peso, anche perchè stavamo assaggiando altri vini, quella sera, ed invece, a sorpresa, era il vino in tavola con maggiore piacevolezza.

Allora eccolo qui. Benvenuto Champagne!

 

 

 

 

Christophe2
DSCF0311

 

DSCF0317

Arkè allarga la “famiglia” delle zone d’Italia con una nuova regione, la Campania, con Masseria Starnali.

Eravamo alla ricerca di un buon Aglianico, con carattere e spregiudicatezza, naturale e sano, ovviamente; lo abbiamo trovato grazie ad un’amicizia tra Angiolino e Maria Teresa, che da qualche anno viene a Villa Favorita.

Siamo a Galluccio, a circa 450 mt s.l.m., alle pendici del vulcano spento di Roccamonfina. Qui la signora Maria Teresa e suo figlio Luigi si dedicano alla coltivazione di ulivi, viti e castagne della loro azienda, che si estende per circa 40 ettari comprensivi di bosco, che gode del belvedere sul Golfo di Gaeta.

Siamo proprio al confine tra Lazio e Campania, qui dove la terra è vocata per la produzione dell’Aglianico e loro, a partire dal 2009, hanno deciso di aggiungere una marcia in più coltivandola in regime biologico.

L’azienda non si occupa solo di vigna e ulivi, ma anche di frutta ed ortaggi, che poi vengono usati per l’Agriturismo che può ospitare fino a 50 persone e, ricavato da un vecchio fienile ristrutturato, ci sono anche 4 camere per poter dormire e godere appieno del fantastico luogo.

Noi siamo rimasti affascinati in particolar modo dal loro signor rosso, il Conte di Galluccio: Aglianico duro, incondizionato e puro, come un cavallo selvaggio, i tannini sono taglienti e ha il vero carattere di questo vitigno, ma sa offrire anche frutta nel bicchiere, piena e rotonda, succosa, per nulla pesante.

Con il Santo Sano l’Aglianico viene ingentilito dal Piedirosso, che gli dona gran beva e pulizia; chiude la gamma la loro Falanghina, la Maresa, diretta e senza fronzoli, che dona in modo diretto la mineralità sulfurea del loro terreno vulcanico.

Noi siamo molto entusiasti della loro “entrata” in gamma e non vediamo l’ora di condividere con voi questi vini, perchè alla fine il vero godimento del vino è esattamento questo: il piacere dello stare assieme e degustare vini onesti e che sanno sempre regalare emozioni!

 

 

011

 

cantina005