Prandi

Cristina Marello Prandi classe 1998, rappresenta l’ultima generazione ma anche la prima della storica famiglia Prandi; una famiglia che ha contribuito a scrivere un capitolo della storia di Barolo, il trisavolo Teobaldo infatti fondò la cantina nel lontano 1864, che si trovava proprio in piazza Cabutto a Barolo.
La cantina fu sempre tramandata, come da tradizione, ai primogeniti maschi. Massimo Prandi, il nonno, portò avanti con onore la cantina: abile commerciante, agricoltore e sostenitore della potenzialità in Langa.
Alla sua morte, nel 1987, il talismano passò a Giuseppe Prandi, zio ed enologo.

Giuseppe smise di imbottigliare il vino e così le bottiglie “Prandi” non circolarono più per 36 anni (proprio nel momento in cui il mondo del Barolo conquistava i mercati internazionali). Giuseppe salvaguardò sempre il patrimonio: vigne, tradizioni ed insegnamenti della famiglia. Lo zio in particolare, ha trasmesso a Cristina l’amore per la sua terra e il saper condurre i vigneti con rispetto e cura, ad ascoltare la natura e assaggiare i vini, ma non fece mai uscire le proprie etichette.

Possiamo quindi dire che Cristina sia la prima, la fautrice della propria storia, non ha ereditato l’azienda di famiglia, è una nuova nascita: nei suoi occhi abbiamo colto la volontà di comporre un capitolo nuovo, quello suo che guarda al Suo futuro, portando avanti con orgoglio la storia e le vigne della sua famiglia, caparbia ed energica, anche in calice lo si sente. Gli ostacoli per questa giovane sono molti ma a lei non importa, anzi, piu’ ce ne sono – ci rivela- più si sente motivata a perseguire il proprio sogno: fare il vino con il nebbiolo e farlo a qualunque costo!

Ha recentemente acquistato una piccola cascina a La Morra e li verrà costruita la nuova cantina a partire dal 2023. Di sua proprietà circa un ettaro a Paiagallo ( paese a Barolo) e uno a Bricco Cogni (a La Morra), Cristina ha già iniziato il suo percorso nell’interpretazione di queste nobili terre. Con l’annata 2019 inizia con il suo primo Langhe Nebbiolo. Un vino che già fa sentire i caratteri decisi e profondi del nebbiolo a Barolo. In autunno 2023 uscirà il Langhe Nebbiolo 2021 – ed una parte uscirà in primavera 2024: dedicato allo zio Giuseppe Prandi e nel 2027 arriverà finalmente il Barolo Paiagallo.

Una grande giovane donna che sta dipingendo a pennellate incisive un nuovo quadro a Barolo.

Altri vini della stessa cantina