Vin Santo del Chianti Rufina

Una chicca.
Trebbiano e Malvasia Bianca da vigneti molto vecchi impiantati tra 1967 e 1970, in terreni franco argillosi con intercalazioni di sottili strati arenaci, in biologico dal 1999. Dopo la raccolta delle uve, dopo accurata attenzione, vengono poste in reti metalliche verticali per appassimento in locale adibito, ben areato dove rimangono fino alla prima settimana di marzo dell’anno successivo alla vendemmia.
La pressatura viene fatta con torchio tradizionale e messo a riposare in caratelli diversa dimensione da 40 litri ad un massimo di 80 litri, per un periodo di circa 9 anni. Viene imbottigliato senza filtrazione e senza aggiunte.
Un vino dai riflessi ambrati, in partenza sensazione di agrumi e sentori di miele, datteri e frutta secca. Ottimo da accompagnare ai tipici biscotti da inzuppo, i cantucci, ma sublime con formaggi erborinati e parmigiano!

Altri vini della stessa cantina